Sistemi di videosorveglianza contro gli incendi boschivi

Gli incendi boschivi in tutta Italia sono moltissimi e vengono rilevati ogni anno in tutta la penisola. Le aree aperte come i boschi possono essere spesso soggette a questo problema per lo più a causa dell’incuria delle persone; succede infatti raramente che per cause naturali queste aree vadano a fuoco, purtroppo molto più spesso i roghi sono causati da elementi come vetri o mozziconi di sigaretta lasciati da incauti visitatori.

Elementi simili, soprattutto in estate, creano delle problematiche enormi perché domare questi incendi diviene ogni anno più difficile laddove temperature elevate e vento rendono il tutto ancora più difficile.

LA RISPOSTA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

La risposta a questi gravi problemi è data dalla videosorveglianza insieme ad altre tecnologie di supporto. Il controllo viene in questi casi effettuato principalmente su due livelli, vi è infatti in primo luogo la deterrenza data dalla presenza di telecamere che spinge le persone a rientrare in comportamenti consoni al luogo nel quale si trovano, evitando di abbandonare oggetti che possono arrecare danno a tutta l’area circostante, in secondo luogo vi è poi una prevenzione data dal controllo sui possibili focolai di incendio, un controllo che riesce ad evitare la nascita di grossi roghi difficili da domare.

COME FUNZIONA LA VIDEOSORVEGLIANZA NEI BOSCHI

Nelle aree boschive vengono pertanto utilizzate delle termocamere radiometriche ad infrarosso accoppiate a telecamere megapixel in grado di zoomare e tenere d’occhio vastissime aree, le telecamere sono della tipologia mobile e quindi capaci di garantire un angolo di copertura ancora più esteso perché manovrabili da remoto, senza contare la potenza dello zoom capace di catturare dettagli anche a grande distanza.

Questo sistema di videosorveglianza permette di realizzare una scansione completa dell’area da controllare misurando le temperature registrate e rilevando ogni condizione potenzialmente “sospetta”, condizione che potrebbe preludere allo scoppio di un grosso rogo, le telecamere sono in grado di valutare il pericolo segnalando un “avviso” oppure un “allarme”, dando tempo ai controllori di reagire prima, come dicevamo, che l’incendio si estenda diventando ingestibile.

CONSIDERAZIONI

L’utilizzo di tali tecnologie porterà in futuro a sempre meno aree interessate fa grossi incendi, ogni estate l’area boschiva italiana si riduce enormemente per queste problematiche ed il giro di vito preso dalle autorità dovrebbe riuscire a mettere finalmente un freno al problema.

Molto interessante a nostro avviso anche l’uso della deterrenza, sappiamo che per le norme sulla privacy le aree videosorvegliate devono essere segnalate e questo dovrebbe limitare moltissimo i comportamenti pericolosi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>