Sistemi di videosorveglianza con controllo remoto da Centrali Operative: cosa sono e come funzionano?

Molto spesso i sistemi di videosorveglianza vengono studiati in modo professionale per garantire la sicurezza di aree sensibili oppure di zone che necessitano di controlli di sicurezza molto avanzati, in questi casi la presenza delle videocamere abbandona il suo ruolo di deterrente per indossare quello di occhio volto a catturare tutti i dettagli possibili.

Spieghiamoci meglio, in casa nostra una videocamera registra video di sicurezza in modo da fornire in primo luogo un deterrente contro possibili malintenzionati, solamente in un secondo momento entra in gioco la registrazione video che viene osservata per poter ricavare utili informazioni per risalire ai malfattori dopo che l’eventuale danno è stato fatto.

Nei casi invece di un monitoraggio con collegamento in tempo reale alle Centrali Operative le cose cambiano parecchio, in queste situazioni infatti un operatore è costantemente dietro il monitor per osservare i video e l’obiettivo prefissato è in primo luogo quello della prevenzione.

MONITORAGGIO CON CONTROLLO REMOTO

Questo tipo di sistemi vengono solitamente improntati dalle Amministrazioni Pubbliche oppure da grosse multinazionali, i primi intendono proteggere aree pubbliche che possono essere soggette ad atti di vandalismo (aree monumentali ad esempio) oppure aeroporti e stazioni, le seconde invece proteggono in questo modo i loro siti aziendali che proteggono non solo oggetti da rubare ma anche dati sensibili.

Questi sistemi sono collegati alle Centrali Operative della Questura o delle Polizie Locali e forniscono una protezione preventiva ventiquattro ore su ventiquattro senza interruzione. Un operatore viene messo praticamente dietro i monitor per vigilare sulla funzionalità delle telecamere e segnalare eventuali allarmi, in alcuni casi però la sua funzione è addirittura ampliata.

Le telecamere meccanizzate infatti possono essere comandate tramite controllo remoto e gli operatori vengono formati per poterle controllare al meglio. Le telecamere non fisse e meccanizzate possono girare a trecentosessanta gradi, allungare lo zoom per catturare dettagli e scattare foto, in mano ad operatori esperti che sanno come manovrare la console di controllo queste telecamere sono un arma importantissima in grado di non farsi sfuggire davvero nulla.

CONSIDERAZIONI

Negli ultimi anni le Amministrazioni Comunali stanno ricorrendo sempre di più a questi sistemi per poter meglio controllare alcune aree come detto della città, i numeri hanno evidenziato un netto miglioramento della situazione con atti vandalici in fortissima diminuzione perché in ogni caso le aree sorvegliate sono un deterrente ed un sistema di prevenzione molto efficace.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>