Detrazioni fiscali per l’installazione di impianti di videosorveglianza

Gli impianti di videosorveglianza sono visti sempre più di buon occhio e stanno conquistando fette di mercato sempre più importanti, questo perché sono moltissime le persone che scelgono di proteggere la loro casa oppure la loro attività commerciale con delle telecamere di sorveglianza.

Il prezzo di installazione di questi impianti è sceso sino a diventare appetibile per moltissimi utenti e come se questo non fosse già abbastanza lo Stato ha proposto delle detrazioni fiscali volte a favorire ulteriormente il mercato. La sicurezza è infatti importante e la videosorveglianza è un validissimo alleato per le forze dell’ordine, più persone si dotano di un impianto di sicurezza maggiore è la possibilità che le forze dell’ordine possano svolgere ottimamente il loro lavoro; da qui derivano le detrazioni fiscali e gli aiuti che lo stato propone.

COME FUNZIONANO LE DETRAZIONI

Il Governo ha proposto con il Decreto Legge n. 63 del 4 Giugno 2013 l’instaurazione di un bonus per le persone che si dotano di impianti per la sicurezza, il bonus si applica alla ristrutturazione della casa laddove vengano inserite opere tese a limitare i furti in casa, gli scassinamenti ed i tentati atti di vandalismo; parliamo dunque della implementazione di inferriate, saracinesche, porte blindate, casseforti, vetri antisfondamento e naturalmente antifurti e sistemi di videosorveglianza. I requisiti di accesso parlano di ristrutturazioni edilizie ed includono anche lavori all’interno di essa e dunque comprendono come detto anche l’installazione di telecamere e sistemi di monitoraggio.

Vediamo ora brevemente alcune casistiche che possono interessare le persone che vogliono accedere alle detrazioni, il decreto così come è composto prevede che le spese sostenute per le prestazioni di professionisti ed architetti possano essere sottratte, prevede che dalle ristrutturazioni svolte in proprio sarà possibile dedurre le spese per gli acquisti dei materiali, nel caso di ristrutturazioni per ordinaria manutenzione solo le spese per le parti in comune di uno stabile potranno essere detratte, prevede infine che le detrazioni siano distribuite su quote decennali.

CONSIDERAZIONI

Naturalmente la parte burocratica nel nostro paese è spesso molto difficile da comprendere tuttavia la domanda può essere inviata scaricando i moduli nella sezione Agevolazioni Fiscali dal sito dell’ Agenzia delle Entrate. Le detrazioni sono su quote decennali ma sono comunque molto allettanti, basti infatti pensare che c’è la possibilità di risparmiare sino al 50% della intera somma spesa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>