Capire la classificazione delle custodie per telecamere

Le telecamere per la videosorveglianza spesso vengono installate in luoghi particolari, come ad esempio l’esterno, e quindi si rendono necessarie protezioni ad hoc contro agenti atmosferici quali pioggia o picchi di temperatura verso l’alto o verso il basso, spesso i problemi possono essere altri e parliamo di sostanze corrosive, polvere oppure possibili manomissioni o vibrazioni esterne.

Per i motivi che abbiamo elencato i produttori di telecamere hanno studiato diversi metodi e diversi accessori che sono in grado di far fronte a questa problematica. La soluzione principale comprende la possibilità di installare le telecamere in delle custodie specifiche, queste custodie sono progettate in modo particolare per essere una “corazza” per le telecamere ed evitare che agenti atmosferici ed altri elementi possano inficiare le prestazioni del dispositivo sino a renderlo completamente inutilizzabile.

LE TIPOLOGIE DI CUSTODIE

Quando dunque l’ambiente in cui le telecamere vengono installate può andare ad influenzare il loro efficiente comportamento sono necessarie queste custodie come protezione. Le custodie vengono rese disponibili sul mercato in diverse dimensioni e con diverse caratteristiche, esse sono infatti realizzate in vari materiali tra i quali plastica e metallo e sono generalmente classificate in due tipologie: vi sono le custodie per telecamere fisse e quelle per telecamere a cupola.

Quando si sceglie la custodia che deve andare a proteggere il vostro dispositivo è necessario considerare alcuni fattori quali le staffe di montaggio, il livello di resistenza alle manomissioni (importantissimo per evitare che malintenzionati possano sabotare il sistema di sicurezza), la gestione dei cavi ed il tipo di alimentazioni. Per le telecamere fisse va inoltre considerata la presenza di una apertura laterale oppure scorrevole, mentre per le telecamere a cupola è necessario considerare se la cupola della custodia è trasparente oppure sfumata.

Molto importante anche considerare la presenza di periferiche quali antenne, periferiche che sovente utilizzano le telecamere wireless. Questa tipologia di videocamera non ha fili ma si collega al corpo centrale del sistema in modalità per l’appunto wireless; in questi casi solitamente le protezioni di metallo hanno una apposita fessura attraverso le quali le antenne trovano la via verso l’esterno e possono continuare ad inviare il loro segnale, si noti che invece per le custodie di plastica tali fessure non si rendono necessarie in quanto il segnale riesce ugualmente a passare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>